Cumulo e Casse Professionali

FAQ

Risposte alle Domande più Frequenti


Chi può chiedere la pensione col cumulo?
Possono chiederla:
- coloro che hanno contributi (di periodi non coincidenti) versati nelle gestioni INPS, inclusa la gestione separata, e nelle casse previdenziali professionali;
- possono chiederla anche se hanno maturato il diritto autonomo al trattamento pensionistico presso una delle gestioni interessate;
- non devono essere titolari di trattamento pensionistico diretto presso una delle gestioni interessate.

A cosa serve il cumulo contributivo?
Il cumulo permette, agli assicurati che hanno maturato periodi contributivi in diverse forme di previdenza obbligatoria, di accedere al pensionamento di vecchiaia o di vecchiaia anticipata, sommando i periodi non coincidenti nell’ambito della complessiva contribuzione, senza alcun nuovo onere a carico dell’interessato.

Col cumulo, valgono i requisiti delle pensioni autonome?
Qualora si intenda conseguire il diritto al trattamento pensionistico in regime di cumulo, si dovrà far riferimento esclusivamente ai requisiti dettati dalla normativa del cumulo. Si acquisisce il diritto ad un’unica pensione calcolata pro quota da ciascuna gestione, utilizzando i contributi versati presso ciascuna gestione.

Col cumulo avviene il trasferimento di contribuzione da una gestione all’altra?
Il cumulo non determina un trasferimento di contribuzione da una gestione all’altra. Le anzianità contributive di ogni gestioni resteranno invariate.

Col cumulo, è possibile utilizzare solo parzialmente la contribuzione accreditata in diverse gestioni?
Non è possibile cumulare periodi parziali di contribuzione. Il cumulo comporta l’utilizzo dell’intero periodo di contribuzione di tutte le gestioni interessate.

Col cumulo, si perdono i periodi di contribuzione coincidenti?
No. I periodi contributivi coincidenti tra le diverse gestioni, sebbene non considerati per la verifica dell'anzianità contributiva, non vengono persi, perché sono utilizzati ai fini della misura della pensione. Infatti ciascun ente previdenziale conteggerà la propria quota su tutta l’effettiva contribuzione versata nella propria gestione.

Ho presentato domanda di pensione alla mia cassa; posso rinunciare alla domanda in quanto interessato al cumulo?
La rinuncia è possibile soltanto fino a quando non si sia conclusa la fase istruttoria e l’interessato non abbia ricevuto la formale comunicazione dell’attivazione della pensione. In sostanza, quindi, non si deve essere già titolari di assegno di pensione.

Sono già pensionato; posso accedere al cumulo?
La risposta è negativa in quanto il cumulo è possibile esclusivamente se non si è titolari di assegno di pensione.

Quando si deve presentare la domanda di cumulo?
La domanda deve essere presentata alla maturazione dei requisiti per il pensionamento in regime di cumulo. Verrà quindi istruita un’unica domanda di pensione, che comporterà il contestuale pensionamento nelle gestioni previdenziali coinvolte. Di conseguenza sarà riconosciuto un unico trattamento pensionistico, che corrisponderà alla sommatoria delle diverse pro-quote di pensione.

E’ già legge l’istituto del cumulo?
Il cumulo per i contributi versati presso gli Enti di previdenza dei professionisti è legge in vigore dal 1° gennaio 2017. Tuttavia la concreta operatività della normativa e la definizione degli aspetti tecnici è subordinata all’adozione da parte dell'INPS di una circolare attuativa e dell’attivazione di convezioni con le varie casse professionali.



torna alla home page