Cumulo e Casse Professionali

La Normativa

"Clausola di Salvaguardia" o "Tetto Pensionistico"

Per chi ha un'anzianità contributiva di almeno 18 anni al 31.12.1995 (compreso cumulo e riscatti) l'INPS è tenuto ad applicare il comma 707 della Legge 190/2014, il quale dispone che l’importo complessivo della pensione (parte retributiva + parte contributiva) non possa essere più alto di quello che risulterebbe dal calcolo con il solo sistema retributivo.
Questa "clausola (della loro) salvaguardia" è stata introdotta quando, aumentando il numero di anni di contribuzione, si è verificata la situazione paradossale che in alcuni casi il calcolo col metodo contributivo era più dispendioso (per gli enti) di quello col metodo retributivo, per questo è nota come "tetto pensionistico".
Comunque questa norma non ostacola il calcolo della parte retributiva della pensione in cumulo.
In ogni caso, l'importo complessivo del trattamento pensionistico non può eccedere quello che sarebbe stato liquidato con l'applicazione delle regole di calcolo retributivo.
[Decreto Legislativo n. 201 del 2011 art.24 comma 2 come modificato dalla Legge n. 190 del 23 dicembre 2014 art.1 comma 707]