Cumulo e Casse Professionali

Questioni Aperte: riscatto laurea ENPAF

ENPAF: i diritti semi-quesiti!


Lo strano riscatto di laurea dei farmacisti
L'ENPAF, l'ente di previdenza dei farmacisti, avendo abolito la pensione di anzianità, eroga solo la pensione di vecchiaia (a 68 anni d'età e dopo almeno 30 anni di contribuzione).
Ma la maggior parte dei farmacisti, non essendo proprietari di farmacia, bensì semplici dipendenti, pagano (talvolta in misura ridotta) i contributi alla loro Cassa Professionale, in qualità di iscritti all'Ordine dei Farmacisti, e all' INPS, come dipendenti privati.
Versando i contributi in due enti previdenziali (Inps + Enpaf) possono accedere alla pensione in cumulo e quindi anche alla pensione anticipata in cumulo, soluzione che potrebbe consentire loro di andare in pensione un poco prima dei 68 anni d'età, ma, di fatto, solo se possono aggiungere il riscatto della laurea.
Senza gli anni di laurea, infatti l'anzianità contributiva inizia dai 25 anni d'età circa, che aggiunti ai 42/43 di contributi, portano intorno ai 68 anni d'età.
Evidentemente i dirigenti dell'ente di previdenza dei farmacisti sono dotati di notevole preveggenza, perché qualche anno prima della legge sul cumulo avevano già trovato il modo di azzerarne gli effetti.

Come si può leggere sul sito dell'ENPAF
(http://www.enpaf.it/domande-frequenti/articoli-enpaf/le-domande-piu-frequenti-sulla-previdenza):
"A decorrere dalla riforma del regolamento ENPAF entrata in vigore nell’anno 1988, il riscatto del corso di studi universitari non è più utile ai fini dell’anzianità di iscrizione e contribuzione necessaria per il diritto alla pensione di anzianità, istituto peraltro abolito dal 1° gennaio 2016, ma produce unicamente un incremento economico dell’importo di pensione diretta.
Quanto sopra vale anche per le quote di riscatto versate in anni in cui era vigente la diversa normativa regolamentare che ne prevedeva la computabilità ai fini della maturazione del diritto alla pensione di anzianità.
Il rapporto assicurativo – previdenziale, infatti, è un rapporto “aperto” e come tale suscettibile di risentire dell’effetto di tutte le modifiche normative che nel frattempo dovessero intervenire, con l’unico limite degli eventuali diritti quesiti o semi – quesiti; proprio per questo motivo l’art. 9 del regolamento ENPAF ha stabilito un regime transitorio che ha disciplinato la limitata computabilità del riscatto del corso di studi universitari, in via residuale, in un periodo che, tuttavia, si è esaurito nell’anno 1993.
A decorrere dal 1994, quindi, il riscatto non ha più alcun effetto ai fini dell’anzianità di iscrizione e contribuzione utile per la pensione di anzianità."

RISCATTO DEL CORSO DI STUDI UNIVERSITARI
Si rammenta che il riscatto del corso di studi universitari non è utile ai fini dell’anzianità di iscrizione e contribuzione bensì unicamente a quelli economici determinando un incremento degli importi di pensione.
Circolare ENPAF 7 gennaio 2004, Approvazione riforma Regolamento di previdenza e assistenza ENPAF
Se il termine "diritti quesiti" indica diritti che sono immutabili con il decorso del tempo, che non possono essere sono toccati da eventuali modificazioni legislative, i diritti semi-quesiti sembrano più che un concetto giuridico un ossimoro (diritti immutabili che possono mutare!).
Vedremo cosa ne penserà la magistratura quando il Comitato promuoverà un'azione legale!

Per questo è importante raccogliere quante più adesioni possibili di farmacisti defraudati dal regolamento enpaf del '88 per promuovere un procedimento giudiziario e sanare questa palese discriminante regola defraudatoria per tutti coloro che potrebbero accedere alla pensione con il cumulo compreso gli anni di laurea già riscattati presso l'enpaf.


Professionisti interessati :

GUIDA (CAMPANIA)
MARTELLINI (CAMPANIA)
GIANNELLI (CAMPANIA)
BORGHINI (EMILIA ROMAGNA)
PICANO (LAZIO)
DEMURTAS (LAZIO)
STIRPE (LAZIO)
RIVA (LIGURIA)
CARTA (LIGURIA)
PLANO (LIGURIA)
GRILLI (LOMBARDIA)
PISANO (LOMBARDIA)
CORTESI (LOMBARDIA)
DI MUZIO (MARCHE)
BONGIOVANNI (SICILIA)
VERONESE (VENETO)

Per aderire anche tu clicca qui